Piano Transizione 4.0 e incentivi fiscali

La Legge di Bilancio 2021 prevede che all’interno del Piano Nazionale Industria 4.0 siano agevolabili sotto forma di credito di imposta gli investimenti in nuovi beni strumentali all’esercizio d’impresa (ex iper-ammortamento) nel periodo compreso tra il 16 novembre 2020 e la fine del 2022.

Sono agevolabili anche gli investimenti sostenuti per realizzare beni internamente all’impresa – i cosiddetti “beni costruiti in economia” – ricompresi nell’Allegato A della legge 11 dicembre 2016 n. 232 e nello specifico:

  • Macchine: sistemi meccanici interfacciati mediante un software al sistema informativo di fabbrica, quali robot ecc.
  • Sistemi: sistemi costituiti da un software integrato in una macchina
  • Dispositivi: sistemi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza in logica 4.0

Il credito d’imposta sulle spese per realizzare tali beni (spese di personale, competenze, materiali, forniture ecc.) è pari al 50% con massimale di 2,5 milioni di euro annui ed è fruibile in 3 quote annuali a partire dall’anno di messa in esercizio e interconnessione del bene (sono esclusi i beni che in futuro l’azienda può produrre e commercializzare).

I nostri consulenti, hanno messo a punto una serie di tecnologie innovative in linea con le disposizioni del piano Transizione 4.0 in grado non solo di portare innovazione e competitività ai nostri clienti, ma – come previsto dal piano – anche forti agevolazioni economiche e finanziarie nella modalità del credito d’imposta.

Contattaci per maggiori informazioni.